di Gabriella Campanile

potere alle idee
Gabriella Campanile è laureata in Scienze Politiche all’Università degli Studi di Salerno. Frequenta attualmente il corso magistrale in Poltiche, Istituzioni e Territorio.

Se siete in cerca di un’esperienza divertente, impegnativa e al tempo stesso formativa, la simulazione parlamentare Change the World for Democracy è quello che fa per voi.

Vestirete per quattro giorni il ruolo di deputati del Parlamento italiano allo scopo di elaborare una proposta di legge quanto più realistica possibile.

Il tema dell’edizione cui ho preso parte era “Fake News e Web Reputation”. L’attualità e la novità stessa del problema affrontato hanno reso i lavori molto impegnativi, ma in senso buono: nella coalizione di cui ero parte abbiamo lavorato instancabilmente ed è stato stupefacente, per me, ammirare la capacità di metterci in gioco, di pensare in maniera creativa ma al contempo pratica.

Una volta entrati nel ritmo dei lavori di commissione diventa veramente difficile smettere: con impegno, passione e dedizione le nostre giornate, per quanto intense, sono letteralmente volate.

Essendo laureata in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, la conoscenza preliminare del diritto pubblico mi è tornata veramente utile, ma direi non indispensabile ai fini di un godimento completo dell’esperienza: avrete l’opportunità di arricchire le vostre conoscenze interagendo con persone da tutt’Italia, con le loro idee e il loro bagaglio culturale.

Infatti, una delle caratteristiche più belle dei lavori di commissione è proprio il poter collaborare con persone più o meno esperte, imparare da loro, aiutarsi a vicenda compensando le rispettive lacune.

Se dovessi dare un consiglio a chiunque sia intenzionato a prendervi parte, direi che lo spirito fondamentale con cui dovreste affrontare questa esperienza è l’apertura mentale: siate disposti a considerare e comprendere punti di vista anche totalmente opposti ai vostri, smussate gli angoli delle vostre convinzioni per imparare dagli altri o “insegnare” loro qualcosa.

Lasciate a casa opinioni politiche e tifoseria da stadio e siate disposti a imparare anche da chi non avreste mai pensato.

Per me il Change the World for Democracy è stato questo: avere la preziosa opportunità di arricchirmi imparando col contributo di tutti gli altri Onorevoli, superare la timidezza e la paura di espormi pubblicamente, creare da zero un testo di legge che rispecchi idee, creatività, conoscenza, ricerca e compromesso.

Per questo ne consiglio vivamente la partecipazione: con lo spirito giusto, non potete non uscirne arricchiti.